Varzi e il Borgo Antico
Nei suggestivi portici sovrapposti
le cantine del celebre salame


Il Giardino Alpino di Pietracorva
Il fascino sempre diverso
di un museo vivente all'aria aperta

Castelli, rocche, abbazie
Segnali di storia,
esperienze che ci appartengono


L'Eremo di Sant'Alberto
Non solo la natura ha le sue oasi.
Qui è l'uomo a rigenerare lo spirito


La Via del Sale
Fra mito e realtà, le fatiche e le ricchezze
di mille generazioni...






Non vie dell'oro, né della seta o delle spezie, ma via del sale, eppure non per questo meno preziose.
Le piste del sale hanno costituito le grandi strade commerciali dell'antichità, in Europa come in Asia o in Africa, intorno al grande deserto del Sahara.
Nel Medioevo una grande strada commerciale collegava la Pianura Padana con il porto di Genova, attraverso Voghera, Tortona, Serravalle, Gavi, Voltaggio, il passo della Bocchetta e Campomorone. Questo itinerario si può oggi percorrere anche in auto ed è molto affascinante, tra cappelle antiche, boschi e grandi complessi storici in condizioni di relativo abbandono. Dal sec. XIII in poi, un'altra strada, utilizzata quasi esclusivamente dai Pavesi, si snodò per la valle Staffora sino a Varzi e poi su per i monti.

Questi percorsi divennero noti nei secoli col nome di "vie del sale", dal principale prodotto che lungo di essi si continuava a trasportare.
Il successo dell'una o dell'altra strada fu legato, come la storia di tutto il nostro territorio, al grande conflitto tra comuni lombardi guelfi e ghibellini, tra l'asse Milano-Alessandria e quello tra Pavia e i Feudi dei Malaspina. Lungo le strade dell'Appennino, però, scendevano a Pavia e a Milano anche altri prodotti: lane inglesi e provenzali, fustagni, pelli, cuoio, tele di lino e canapa provenienti dall'Oriente o dalle Baleari.
Nel 1259 e nel 1276 la città di Pavia stipulò accordi coi Malaspina e dal 1284, obbligò tutti i propri mercanti a passare per Varzi e sulle loro terre per raggiungere Genova.
I Marchesi Malaspina, in cambio dei pedaggi pagati dai mercanti, si impegnavano a garantire la loro sicurezza.
 
   
         
       
    © 1998-2004. AB&A studios.
Tutti i diritti sono riservati.