Colori e sapori d'autunno 2017
     
  Festival di San Damiano 2017
     
  "CULT CITY" #inLombardia Pavia Capitale Longobarda, città dei Saperi e dei Sapori
     
  Alla scoperta delle colline di Montesegale - Passeggiata naturalistica notturna
     
  E' stato svelato Estilo - Una nuova eleganza e artigianalità nella nautica internazionale
     
  Sorbo Rosso: soggiorni di salute nel verde delle colline Oltre Pavesi
     
  La Civica Scuola di Pittura di Pavia
     
  Il Novecento nelle Collezioni dei Musei Civici
     
  Cinema sotto le stelle a Pavia
     
  Il 10 e 11 giugno ritorna
il Rally 4 Regioni
     
  Tranquillo Cremona e la Scapigliatura
     
  Sguardi puri 2016
     
  I Macchiaioli
     
  Da Montesegale a Montparnasse
     
  Estate al Castello Visconteo
     
  BeerFood, birra sapori e sensazioni del territorio
     
  Il 14 maggio apre le porte la 633a Fiera dell’Ascensione
     
  ASM: Parte il progetto sperimentale di raccolta della carta porta a porta
     
  Pavia – Città d’Arte in tour
     
  Sergio Alberti
Frammenti di un territorio
     
  Dal 5 Giugno al 13 Settembre 2014 torna il Festival Ultrapadum
     
  Altari Mediterranei
     
  Pissarro l'anima dell'impressionismo
     
  Monet au cœur de la vie
     
  Cinema in Castello
     
  Salice d'oro
     
  Muri stracciati a Mortara
     
  Vittoria Banqueting - Assaggi di nozze
Secondo appuntamento
     
  “I colori del tempo” invadono il Castello Visconteo
     
  Cucina, degustazioni, arte… il sabato pomeriggio da Vecchi non è mai scontato
     
  Vino Novello & Sapori d'Autunno
     
  Vittoria Banqueting - Assaggi di nozze
     
  BirrArt 2012
     
  Cava Manara accoglie la squadra di BirrArt Gourmet
     
  Una vacanza benessere alle Terme di Salice
     
  Torrevilla a Riccagioia
    Un convegno per riconoscere l’importanza del territorio
     
  Montesegale
    Il Comune che promuove il territorio
     
  La settimana della moda a Milano
     
  Dalla front row di Luisa Beccaria


SERGIO ALBERTI
Frammenti di un territorio
Opere in bronzo e carte 1981 – 2014

Inaugurazione 8 novembre 2014, ore 18
Sala Mostre, Castello Visconteo
Viale XI Febbraio 35, Pavia

La mostra prosegue fino al 7 dicembre 2014


Si intitola Frammenti di un territorio la personale dello scultore Sergio Alberti, protagonista nella Sala mostre del Castello Visconteo di Pavia da sabato 8 novembre (inaugurazione ore 18) e fino a domenica 7 dicembre 2014. La mostra, il cui sottotitolo è Opere in bronzo e carta 1981- 2014, si propone come un’antologica dell’artista pavese, e dai primi lavori – Germinatoio e Struttura orizzontale – conduce fino ai più recenti Tracce di un territorio e Tracce senza fine, in un viaggio tra le carte, che rappresentano lo scheletro, l’anima, il presupposto della scultura, il suo fantasma, e le opere in bronzo, il metallo nobile, che calca a pennello le esperienze plastiche.
Filo conduttore è la poetica del frammento, attorno a cui ruota tutta la produzione di Alberti.

Osservando tutti insieme i lavori esposti in questa mostra – dichiara Giacomo Galazzo, Assessore alla Cultura del Comune di Pavia –, si rimane colpiti dalle stratificazioni materiche e concettuali che caratterizzano l'approccio creativo di Alberti, sempre sostenuto da un attento studio dei rapporti spaziali che lo ha portato a progettare anche elementi di arte sacra contemporanea e importanti opere pubbliche. Tra queste, vale la pena ricordare la scultura di dimensioni monumentali realizzata nel 2010 in seguito al concorso internazionale bandito per celebrare i 70 anni dell'Ospedale Niguarda Ca' Granda di Milano: un "Raggio di sole" che illumina la nuova ala dell'Istituto di cura milanese, affiancandosi alle opere storiche di Francesco Messina, Arturo Martini e Mario Sironi presenti negli stessi spazi.

“Ho buttato a terra la forma e sono ripartito dai frammenti”, dice Sergio Alberti: la terra, il grumo materico sono il suo territorio di ricerca, e le sculture ricordano reperti archeologici, con le ferite del tempo ben in vista; una sorta di archeologia della materia. È un gioco per Alberti, e la materia un volume con cui giocare: da creare, spaccare, e scoprire cosa si nasconde tra le crepe e i frammenti. L’artista si serve della terra come di un referente, una metafora da usare e poi annullare. La sceglie perché è il deposito delle nostre memorie quotidiane: impregnata di storia, in una sequenza stratificata. È Materia Madre e Matrice.
Alla frantumazione affianca poi un discorso sulla stratificazione. Esplora gli strati della materia scavando nel sotterraneo, alla ricerca di tracce, di memorie; recupera, ripesca quotidianamente quanto celato, prima che muti, distorto dal tempo. Il suo annientamento, l’azzeramento plastico nasce proprio da questo gioco, che in fondo è una provocazione primordiale: scavare, navigare nella materia, reale e metaforica. Quello di Alberti è un itinerario nella materia frammentata e stratificata, che dà vita a nuova materia, nuovi ricordi e memorie. Ogni frammento è matrice per quello che verrà; la scultura inventa così la propria storia.

Alberti associa geometria e frammento, fa convivere astrazione e figurazione e la scintilla di questa evoluzione è scaturita da un viaggio a Parigi compiuto nel 1967 – scrive Francesca Porreca sul catalogo di presentazione alla mostra – in un contesto di grande fermento in cui l’artista è entrato in contatto con le esperienze del Nouveau Réalisme e in particolare con César, che lo ha spronato a sperimentare nuove vie per la scultura, forte di una straordinaria libertà nel trattare qualunque tipo di materiale. Nella capitale francese il giovane scultore ha avuto modo di conoscere anche le figure ibride e polimateriche di Germaine Richier, per la quale "ciò che caratterizza una scultura è la maniera con la quale si rinuncia alla forma solida e piena. I buchi, le perforazioni rischiarano la materia, che diventa organica e aperta, e attraverso questi passa la luce." La sua attenzione era dunque focalizzata su una scultura viva, narrativa ma non mimetica, capace di lasciare spazio anche alla componente emozionale grazie ad inserti polimaterici e alla lavorazione intensa delle superfici. L'interesse di Alberti per i segni di una gestualità attentamente calibrata è mediato anche dalla conoscenza diretta di Lucio Fontana, nella Milano degli anni Sessanta: nei Tagli e nei Buchi tutta la composizione ruota intorno all'intensità di un gesto che infrange la distinzione tra pittura e scultura creando un senso di attraversamento, di intima consonanza con la materia e con la luce.

Nelle recenti Struttura con frammento (2008) e Traccia vegetale (2010) l’artista innesta una traccia modulare di foglie con patine nuove in bronzo in dialogo con superfici specchianti, come nella recente Traccia senza fine (2014) – scrive Paolo Campiglio sul catalogo di presentazione alla mostra –. Si tratta di spunti formali, non certo di evocazioni naturali in senso stretto, di combinazioni e textures, di differenze tonali che rafforzano l’idea di materia come metafora del dialogo tra certezza e volatilità, presenza e vuoto; il percorso verticale diviene un tentativo di sollevamento vitale, in una continua combinazione e incastro dei moduli. In questa recente modulazione il passaggio dall’orizzontalità alla verticalità dei sintagmi che vanno a formare il nuovo discorso plastico, la dialettica continua tra superfici specchianti e rugose, tra recto e verso sono dinamiche attive nel complesso plastico: generare forma significante da una frattura è intuirne lo spazio e le potenzialità infinite di composizione in una nuova dimensione spaziale che è quella dell’ambiente e del medium intorno al concetto.
In particolare, l’uso recente dell’inox combinato all’ottone e la ricerca con questo materiale permette ad Alberti una indagine più minuziosa e stringente sulle ripercussioni dell’idea plastica nello spazio circostante: esso deriva in parte dall’esperienza di Raggio di sole (2009) una scultura monumentale in inox e ottone realizzata per il Nuovo Blocco Sud dell’Ospedale milanese di Niguarda, che attesta l’eccezionale scarto del grande formato rispetto alla dimensione dell’opera d’atelier, in un esplicito inno alla vita.

Titolo mostra: Sergio Alberti – Frammenti di un territorio. Opere in bronzo e carte 1981-2014
Sede: Sala Mostre, Castello Visconteo
Periodo: 8 novembre–7 dicembre 2014
Orari: da martedì a domenica 10 – 17.50; dal 1°dicembre 9 – 13.30

Per informazioni:
tel. 0382.399770
www.museicivici.pavia.it



 

         
       
    © 1998-2004. AB&A studios.
Tutti i diritti sono riservati.