Tipicamente a tavola
Cosa cucina la tradizione, portata
dopo portata

Uno per tutti
L'ingrediente più rappresentativo
zona per zona :
- L'oca della Lomellina
- Le rane del Pavese
- La selvaggina dell'Oltrepo

Tutto il buono della provincia
I prodotti tipici, le specialità gastronomiche,
i freschi e i conservati, i salati e i dolci...

Dove mangiare
Tutti i ristoranti della provincia di Pavia:
soluzioni per tutti i gusti e tutti i costi

Biologico è bello
La diffusione-record delle colture biologiche
fra salutismo e riscoperta di antichi valori

L'oro bianco della pianura
Il riso: oltre 1.300 tonnellate ogni anno
per i mille usi di cereale versatile

Il Grana Padano
Ventiquattro mesi di stagionatura:
i tempi lunghi dei sapori che restano


Il salame di Varzi
Dal XII secolo la lavorazione antica
delle carni di maiale





Le tracce di un glorioso passato si ritrovano spesso anche su una tavola ben imbandita: in Val di Nizza, in quello che fu un tempo il feudo dei Malaspina, Varzi conserva gelosamente, dal Medioevo, l’antica e insostituibile ricetta di un salame pregiato e particolarissimo, noto sin dal XII secolo e allora già caro ai marchesi. Una ricetta che ancora oggi deve la fortuna al particolare clima di cui gode questa porzione di Oltrepo: l' Alta Valle Staffora, nel pieno dell’Appennino pavese, è caratterizzata da un tempo secco e asciutto, ideale per la stagionatura dei salumi. Il salame di Varzi nasce da carni di maiale accuratamente selezionate ed è un salame a grana grossa.
La concia, preparata con sale marino, pepe nero in grani ed un infuso di aglio e vino rosso, conferisce al salame un sapore particolare, dolce e delicato. Una lavorazione che risale a più di mille anni fa, rimasta identica nel corso dei secoli, protetta da un luogo che sembra non appartenere al tempo: i boschi, i borghi e i castelli, la ricca vegetazione di queste colline sono lo scenario ideale per recuperare attraverso l'ospitalità della gente quei sapori antichi autentici e originali, difficilmente riproducibili. Per evitare comunque ogni tentativo di imitazioni e falsi gastronomici la lavorazione del prelibato salume deve essere svolta nella zona tipica di produzione, che comprende Varzi e solo altri 14 comuni appartenenti alla Comunità Montana dell’Oltrepo.
 
   
         
       
    © 1998-2004. AB&A studios.
Tutti i diritti sono riservati.