Itinerari
Dove andare, per chi, con cosa e perchè
Nel Pavese
In Oltrepo
In Lomellina

Percorsi
Consigli pratici per diverse emozioni

Da vedere
Nè piramidi nè Tour Eiffel ma tante
occasioni di incontro con la natura
e l'arte

Da non perdere
Le nostre eccellenze, le mete per cui
vale il viaggio. Capitoli di storia,
trionfi di natura


Fra vacanza e salute
Il termalismo, un'alternativa completa
che fa bene a tutti

Viva la campagna
Il crescente successo del turismo rurale
per vivere attivamente la natura

Turisti in cantina
Fra vigneti e barriques
alla ricerca della qualità


Dove dormire
Tutti gli alberghi della provincia di Pavia:
dalla locanda al quattro stelle

Dove mangiare
Tutti i ristoranti della provincia di Pavia:
soluzioni per tutti i gusti e tutti i costi

Bed&Breakfast
fare tappa nel cuore del territorio
per conoscerlo meglio

Agriturismo
circondarsi di natura
da vivere e degustare




Da Confienza a Langosco
Dopo aver visitato Confienza (Chiesa del Carmine), con la strada provinciale seguiamo le indicazioni per Palestro (Ossario, S. Martino, Torre dei Visconti). Da qui, con la statale 596, raggiungiamo Robbio (Castello dell'Arca, San Pietro, San Valeriano). Con strada provinciale ci dirigiamo a Nicorvo (Agogna Morta, Santuario della Madonna) per poi tornare verso Castelnovetto (Garzaia della Verminesca) proseguire fino a Rosasco (Torri) infine terminare questo itinerario a Langosco (Garzaia di Cascina Isola).

Da Mortara a Cozzo
Dopo aver trascorso qualche ora a Mortara (S. Lorenzo, S. Croce, S. Albino) città in cui si svolgono il Palio dell'Oca e la Sagra del Salame d'Oca, con la statale 596 DIR raggiungiamo Castello d'Agogna (La Rocca). Da qui, con la provinciale, verso Olevano (Castello, Museo Contadino). Passando per Marza, giungiamo a Velezzo (Pieve e Battistero); seguendo le indicazioni per Semiana, ci dirigiamo a Valle Lomellina (Castello). Da qui, tornando sulla statale 596 DIR incontriamo prima Candia (Castello, S. Michele) e poi Cozzo (Castello Gallarati-Scotti).

Vigevano
La visita a Vigevano richiede almeno una giornata:Castello, Palazzo Ducale, Piazza Ducale, Duomo e Museo del Tesoro,
La Sforzesca, Torre Comunale, San Francesco, San Giorgio in Strada, Museo della Calzatura "Pietro Bertolini". Da non perdere il Palio delle Contrade.

Da Cassolnovo a Tromello
Dal Castello di Villanova, sito nel comune di Cassolnovo, torniamo in paese e via Gravellona, in direzione Mortara, incontriamo prima Cilavegna (Sagra dell'Asparago) e poi Parona (Sagra dell'Offella). Da qui, seguendo alcune strade di campagna attraverso i borghi di Cattanea, Molino Faenza e Garbana, raggiungiamo Gambolò (Museo Archeologico Lomellino, S. Eusebio, S. Gaudenzio) e da qui, a meno di 6 km, Tromello (San Martino).

Da Garlasco a Gropello Cairoli
Lungo la SS 596, Garlasco dista da Gropello solo 6 km; l'itinerario alternativo che vi proponiamo è però più interessante: da Garlasco (Santuario della Madonna della Bozzola, Castello, Oasi Bosco del Vignolo) seguiamo la provinciale per Alagna (Castello Malaspina) e da qui la stessa strada ci conduce a un incrocio dal quale, svoltando a destra, si arriva a Valeggio (Castello) per poi proseguire per Scaldasole (Castello), Dorno (S. Maria Maggiore) e infine Gropello Cairoli (Castello, Museo archeologico "Laumellinum Antona").

 
   
         
       
    © 1998-2004. AB&A studios.
Tutti i diritti sono riservati.