Itinerari
Dove andare, per chi, con cosa e perchè
Nel Pavese
In Oltrepo
In Lomellina

Percorsi
Consigli pratici per diverse emozioni

Da vedere
Nè piramidi nè Tour Eiffel ma tante
occasioni di incontro con la natura
e l'arte

Da non perdere
Le nostre eccellenze, le mete per cui
vale il viaggio. Capitoli di storia,
trionfi di natura


Fra vacanza e salute
Il termalismo, un'alternativa completa
che fa bene a tutti

Viva la campagna
Il crescente successo del turismo rurale
per vivere attivamente la natura

Turisti in cantina
Fra vigneti e barriques
alla ricerca della qualità


Dove dormire
Tutti gli alberghi della provincia di Pavia:
dalla locanda al quattro stelle

Dove mangiare
Tutti i ristoranti della provincia di Pavia:
soluzioni per tutti i gusti e tutti i costi

Bed&Breakfast
fare tappa nel cuore del territorio
per conoscerlo meglio

Agriturismo
circondarsi di natura
da vivere e degustare




Da Cervesina a Retorbido
Questo percorso ci guida dalle rive del Po ai primi colli dell'Oltrepo occidentale: da Cervesina (Castello di San Gaudenzio) attraverso Corana e Silvano Pietra si giunge a Casei Gerola (Parco Naturale "Le Folaghe"); percorrendo una comoda superstrada si giunge a Voghera, (Chiesa del Carmine, Il Castello Visconteo, Duomo di San Lorenzo, Museo Civico - Sezione di Scienze Naturali, Santa Maria delle Grazie, Chiesa di Sant'Ilario) la cui visita impegna almeno una mezza giornata. Da qui, percorrendo la SS 461 raggiungiamo Rivanazzano (Castello dei Malaspina a Nazzano, Le terme di Rivanazzano, Torre Guelfa, Il Vecchio in Piazza); con strada provinciale è infine possibile recarsi a Retorbido (Il Baule della Nonna, Sagra del Polentone).

Da Travacò Siccomario a Torrazza Coste
Da Travacò Siccomario (Chiesa parrocchiale), dopo aver raggiunto la SS 10 a S. Martino, la si percorre fino a Bressana Bottarone (Castello di Argine, Garzaia della Roggia Torbida); da qui, attraverso Castelletto di Branduzzo, (Il Castelletto) si raggiunge Lungavilla (Parco Palustre); con strada provinciale ci si muove in direzione di Casteggio (Museo Archeologico, Castello, San Pietro Martire, OltreVini, Concorso del Cortometraggio, Fiera Primaverile, Fiera Autunnale, Fiera del Tartufo e del Miele) per poi concludere l'itinerario a Montebello della Battaglia (Monumento) e a Torrazza Coste
(in occasione del Presepe Policromo).

Da Salice Terme a Montalto Pavese
Un percorso interamente collinare che da Salice Terme (Terme di Salice, Edificio dello stabilimento termale, Freccia d'Argento, il Concorso Ippico Nazionale), ci conduce lungo la SS 461 a Godiasco (Chiesa di S. Siro, Festa patronale di S. Reparata, Fiera di S. Martino); da qui, percorrendo la valle Ardivestra incontriamo sulla destra Montesegale (Castello) e sul versante opposto Rocca Susella (Pieve di S. Zaccaria); in fondo alla valle, dopo S. Eusebio, si risale per Fortunago (Chiesa parrocchiale) nelle cui vicinanze sorge il Castello di Stefanago in comune di Borgo Priolo. Scendendo verso la pianura lungo la valle Coppa si risale poi verso Montalto Pavese (Castello, S. Agostino, Fiera di S. Martino).

Da Linarolo a Castana
Ancora una proposta che unisce il fascino del fiume a quello della collina: il Ponte della Becca divide i comuni di Linarolo e Mezzanino; da quest'ultimo, traversando Verrua e Barbianello, si giunge a Pinarolo Po (Il Castello) e poi, sulla SS 10, a S. Giuletta (Festa di S. Colombano e Prenotazione Vino Nuovo); dalla statale la strada sale verso Pietra De' Giorgi (Castello, Sagra del Salame); da qui, si scende verso Cigognola (Castello). Tornando sulla SS 10 incontriamo Broni (Collegiata di San Pietro, Mercatino dell'Antiquariato, Fiera di S. Contardino, Festa Patronale Fiera di S. Contardo, "Va l'Aspro Odor de i Vini", Fiera di Ottobre ) dal cui centro si risale verso Canneto Pavese (Presentazione del Vino Nuovo, Rassegna dei Vini, Fiera di S. Martino) e infine Castana (Festa del Salame, Festa delle Castagne e della Schita).

Da Pieve Porto Morone a Stradella
Un breve itinerario che consente di visitare con la dovuta calma l'interessante Stradella. Si parte da Pieve Porto Morone (S. Vittore, S. Rocco) e via S. Zenone si passa il Po sul ponte di Spessa; si raggiunge così Arena Po (Castello) per terminare il percorso pochi chilometri dopo a Stradella (Basilica di San Marcello, Chiesa dell'Assunta e dei Santi Naborre e Felice, Museo Civico Naturalistico, Museo della Fisarmonica "Mariano Dallapè & Figlio", Torre Civica, Antiqua
Oltrepiù, Concorso Nazionale di Interpretazione Musicale "Citta' Di Stradella")

Da Cecima a Brallo di Pregola
Un itinerario che si articola quasi interamente lungo la valle Staffora: partendo da Cecima (S. Martino) percorrendo la SS 461 raggiungiamo Ponte Nizza (Abbazia di Sant'Alberto di Butrio); da quest'ultimo, scendiamo di nuovo a Bagnaria (Sagra delle ciliegie, Giornata della mela) proseguendo sempre sulla SS 461 fino a Varzi (Chiesa dei Cappuccini, Torre dell'Orologio e Torre Mangini, I portici e il centro storico, Antica Festa Del "Caretto", Sagra del salame e della torta di mandorle, Mercatino dell'Antiquariato, Carnevale varzese, Fiera di S. Giorgio, Sagra della castagna); da qui continuiamo a salire, deviando verso Menconico (Riserva Naturale del Monte Alpe, Sagra del formaggio, Sagra del tartufo nero e dei prodotti locali); da qui si raggiunge S. Margherita Staffora (Il Carnevale Bianco, in località Cegni) e finalmente Brallo di Pregola (Chiesa dei SS. Gervasio e Protasio, Sagra della Patata) dove termina il nostro percorso.

Da San Damiano al Colle a Romagnese
Un lungo percorso montuoso che consente, fra l'altro, di apprezzare la varietà dei paesaggi collinari dell'Oltrepo: partiamo da S. Damiano al Colle (Rassegna dei Vini) in direzione Rovescala (Castello medioevale, Primavera dei Vini, Festa del Vino Nuovo e della Chisola); per Donelasco e Bagoglio possiamo raggiungere Lirio (Farsò di S. Giuseppe, Caldarroste dei Santi) da dove a ritroso troviamo S. Maria della Versa (Santuario di S. Maria, Val Versa produce) e Montecalvo Versiggia (Festa Patronale e Concerto per Montecalvo); superato Pometo raggiungiamo Ruino (Festa del Vino Nuovo). Discesi sulla SS 412, seguiamo le indicazioni per Zavattarello (Castello Dal Verme, Festa di S. Giuseppe, Mostra e Sagra del fungo, Fiera). Da qui possiamo tornare sulla SS 412 e terminare questo itinerario a Romagnese (Giardino Botanico Alpino di Pietra Corva) oppure seguire le indicazioni per Valverde e Val di Nizza (Castello di Oramala e Festa d'Autunno).


 
   
         
       
    © 1998-2004. AB&A studios.
Tutti i diritti sono riservati.