Itinerari
Dove andare, per chi, con cosa e perchè

Percorsi
Consigli pratici per diverse emozioni

Da vedere
Nè piramidi nè Tour Eiffel ma tante
occasioni di incontro con la natura
e l'arte

Da non perdere
Le nostre eccellenze, le mete per cui
vale il viaggio. Capitoli di storia,
trionfi di natura


Fra vacanza e salute
Il termalismo, un'alternativa completa
che fa bene a tutti

Viva la campagna
Il crescente successo del turismo rurale
per vivere attivamente la natura

Turisti in cantina
Fra vigneti e barriques
alla ricerca della qualità


Dove dormire
Tutti gli alberghi della provincia di Pavia:
dalla locanda al quattro stelle


Dove mangiare
Tutti i ristoranti della provincia di Pavia:
soluzioni per tutti i gusti e tutti i costi

Bed&Breakfast
fare tappa nel cuore del territorio
per conoscerlo meglio


Agriturismo
circondarsi di natura
da vivere e degustare


Turismo rurale in provincia

Frenesia, velocità, stress: tutte caratteristiche della nostra vita quotidiana, del succedersi dei giorni a rincorrere il lavoro e i mille impegni.
Qualche volta basta fermarsi e guardarsi attorno per scoprire che nelle nostre campagne continuano ad esistere, in attesa di essere recuperati, suoni, profumi, sapori da cui ci siamo allontanati.
Il turismo rurale permette attraverso semplici scampagnate di addentrarsi in un universo di sensazioni che aspetta solo di essere riconosciuto. È solo questione di un attimo: ascoltare il silenzio dei campi, sentire il profumo dell’erba, guastare erbe aromatiche, riappropriandosi dell’ambiente che ci circonda.
Di luoghi dove riprendere quest’esperienza sensoriale la nostra provincia ne offre molti, basta solo scegliere da dove cominciare.

Tenuta Occhio (Zerbolò – Pavia – Loc. Parasacco – sponda destra Ticino)
Situata nel cuore del Parco del Ticino costituisce un ecosistema talmente originale da essere unico: boschi di quercia e carpino si alternano a canali e lanche in un susseguirsi di dossi sabbiosi dove cresce brugo e ginestra
Come arrivare:
Autostrada A7 Milano – Genova, Uscita Bereguardo o Groppello Cairoli
S. P Da Borgo San Siro a Parasacco

Cascina Miradolo (Robbio - Pavia)
Situata nel Parco della Val Pometto, sorge su di un antica collinetta sabbiosa dove è ancora coltivato l’arbustum gallicum dalla cui uva si produceva un vino caro ai Celti antichi abitanti della zona. È il luogo ideale per allietare gli occhi e investire l’olfatto di fiori, aceri e erbe officinali che qui crescono rare e spontanee.
Come arrivare:
A26 Alessandria – Gravellona Toce, Uscita Vercelli Est, Km 20
A4 Torino – Milano, Uscita Novara est, Km 27

Cascina Baracca (Fraz. Molino d’Isella Gambolò - Pavia)
Nel cuore del Parco del Ticino (il parco fluviale più grande d’Europa) è un’azienda agrituristica che offre al visitatore molteplici paesaggi in un pochi chilometri. Boschi, corsi d’acqua, seminativi e frutteti fanno da sfondo al turista che può partecipare ai lavori in corso.
Come arrivare:
A7 Milano – Genova, Uscita Groppello Cairoli, Km 15
Più suggestivo arrivare a Molino partendo dalla località Belcreda di Gambolò

Cascina Comuna (Torreberetti Castellaro de’ Giorgi - Pavia)
Sessanta ettari di bosco dove anche Ludovico il Moro si veniva a rifugiare. Un silenzioso e sacro alternarsi di querce e ontani, laghi e canali, dove si incontrano aironi, germani e gallinelle. Una sorgente di acqua fresca e limpida segna il percorso verso l’antica Abbazia di Acqualunga.
Come arrivare
A26 Alessandria – Gravellona Toce, Uscita Casale Monferrato sud, Km 23
A7 Milano – Genova, Uscita Casei Gerola, Km 25

Consorzio Reganzo (Varzi – Pavia)
Foreste e torrenti, prati e frutteti: sono i 2000 ettari di querce, castagni, faggi accarezzati dalla brezza marina, che costituiscono il Consorzio Agro Silvo Pastorale, nella Valle Staffora, lembo appenninico dell’Oltrepo Pavese. Luogo di una bellezza naturale varia e originalissima, dove è d’obbligo gustarne i prodotti tipici: funghi, mele, miele e tartufi.
Come arrivare:
A7 Milano – Genova, Uscita Casei Gerola,
A21 Torino – Piacenza, Uscita Voghera o Casteggio seguire poi la S. S del Penice

Cascina Isola (Langosco – Pavia)
Un viaggio nel tempo, a ritroso fino al 1695 per recuperare il paesaggio, i costumi e gli usi della Lomellina di quattro secoli fa. La passione di un uomo ha reso possibile l’esperienza del passato, alla riscoperta dei gusti e dei sapori della Lomellina antica, attraverso l’impiego di materiale vegetale antico e la fedele applicazione delle tecniche di trasformazione e delle ricette tipiche.
Come arrivare:
A26 Alessandria Gravellona Toce, Uscita Casale Monferrato nord, Km15
A7 Milano – Genova, Uscita Groppello Cairoli, Km 40

Garzaia di Celpenchio (Cozzo di Lomellina - Pavia)
L’habitat naturale per garzette e nitticore: fra salici inestricabili, vecchie querce, pioppi e ontani, anneti lirici e infidi, la Garzaia è il palco di un concerto impressionante di canti di uccelli di ogni tipo, oltre ad essere la zona con la più alta popolazione di aironi d’Europa.
Come arrivare:
Colpenchio è una frazione in comune di Cozzo Lomellina, raggiungibile da Mortara o da Casle Monferrato.

Tenuta il Bosco (Torre d’Isola - Pavia)
A pochi chilometri da Pavia un ecosistema fluviale, costituito dal corso principale del fiume, dalle sue lanche collegate da un antico sistema di canali.
Per 100 ettari si estendono e si alternano querceti e impianti di latifoglie, dove è anche possibile l’osservazione faunistica.
Come arrivare:
A4 Milano – Genova, Uscita Bereguardo/ Pavia Sud, Uscita Torre d’Isola
S.S Da Pavia verso Bereguardo.

 
   
         
       
    © 1998-2004. AB&A studios.
Tutti i diritti sono riservati.