L'Oltrepo in un bicchiere
Con Mario Maffi alla scoperta
dei vini dell'Oltrepo Pavese

Storie di vino e Oltrepo
Dai romani verso il futuro un poercorso
di qualità e consapevolezza

Vino: istruzioni per l'uso
Le facili regole per bere bene
e i segreti per bere meglio

Divertirsi in cantina
Le facili regole per bere bene
e i segreti per bere meglio


Prosit!
Alla vostra salute

Sacro e profano
Il vino come metafora
tra peccato e virtù
La religione e il vino
Prodotto edonistico?
Il folklore
Vino e mitologia
Vino e arte
Vino e letteratura

Le aziende vitivinicole
Assaggi e scoperte,
il fascino e la cultura del bere...


Il Consorzio Tutela Vini
Il Consorzio Tutela vini O.P.,
nato nel 1961, è l'organismo...


Le DOC
Sono 16 i nomi che significano
eccellenza: sinonimo di una qualità...




Il folklore

Anche il mondo della tradizione e del folklore, soprattutto legato alle zone di produzione, dedica al vino vari avvenimenti o manifestazioni, mostre e sagre. Anche l'Oltrepo può vantare queste usanze attraverso ricorrenze d'impostazione diversa quali Oltrevini, che ha una finalizzazione tecnico-commerciale, feste locali del vino quali Canneto e Rovescala , ma anche sagre folkloristiche quali la festa del polentone di Retorbido, dove il personaggio catalizzante è raffigurato da Bertoldo, che chiaramente trae saggezza dal liquido caro a Bacco. Tradizione e folklore possono sconfinare anche nella misticità ed è bello ricordare come un santo "nostrano", Alberto da Butrio, sia assurto alla santità grazie, in particolare, al miracolo compiuto davanti al Papa e a tre cardinali con la trasformazione dell'acqua in vino. Sant'Alberto storicamente è il Patrono dei Brentatori, intesi dapprima come addetti alla distribuzione del vino nelle città per mezzo di un'unità di misura definita "brenta". Successivamente i brentatori vanno ad identificarsi con i lavoratori delle vigne che utilizzano la medesima unità di misura per il trasporto delle uve fuori dai vigneti. Parlando del settore è bene ricordare che anche San Bovo, patrono di Voghera dona ai cittadini una vigna a simbolo di amicizia e di riconoscimento Pure San Contardo d'Este sceglie di vivere gli ultimi momenti della sua vita in mezzo ai vigneti di Broni, sulla collina che oggi porta il suo nome.

Il mondo del vino annovera anche una schiera di santi patroni così identificabili: 

- San Martino, patrono dei bevitori; 
- Sant'Urbano, protettore della vendemmia; 
- San Teodoro, patrono degli osti;
- San Barnaba, protettore delle vigne; 
- San Vincenzo, protettore dei viticoltori; 
- San Giovanni, protettore del succo d'uva (mosto); 
- San Luca, protettore del vino nuovo.
 

Anche i proverbi colorano queste settore ed alcuni si sono tramandati nei secoli:

A chi non piace il vino, Dio tolga l'acqua

Sciroppo di croatina, pillole di gallina e buon mantello… mandano il medico in bordello

Quando il vecchio il vino non vuol bere, all'altro mondo vallo a trovare

Vino che salti, pane che canti e formaggio che pianga

Tre sono i peccati che non si perdonano mai: primo, rubare per gli altri; secondo, ubriacarsi di vino mischiato; terzo, innamorarsi di donne vecchie

Dopo la polenta ce ne vuole una brenta
(detto popolare del 1660) 

Chi ben beve, ben dorme. Chi ben dorme, mal non pensa. Chi non pensa male, male non fa. Chi male non fa, in Paradiso va. Ordunque ben bevete che in Paradiso andrete.
 
   
         
       
    © 1998-2004. AB&A studios.
Tutti i diritti sono riservati.